Sintesi dei mondiali: la finale

  • Scritto il:
130003466-1

Nuova Zelanda-Francia: 8-7

Dopo la loro comoda vittoria di 20 punti contro i francesi nel Girone A un mese fa, si potrebbe essere perdonati per il fatto di aver creduto che gli striscioni dei "Blackwash" intorno ad Eden Park sarebbero divenuti realtà questa sera. Ma, in una Finale di Coppa del Mondo il repertorio ha poca importanza e i francesi hanno mostrato molto chiaramente le loro intenzioni prima ancora del fischio di inizio.

I francesi hanno camminato sull'Haka con tono di sfida per far sapere loro che erano pronti per lo scontro... e lo erano davvero!

La Francia è partita con le buone intenzioni sin dall'inizio, con una prestazione simile a quella dei primi dieci minuti della loro scorsa partita qui nelle qualifiche dei Gironi. La Nuova Zelanda era leggermente disconnessa e molti attacchi sono stati bloccati dalla ferrea difesa dei francesi, guidati dalla loro massa gigantesca.

Eppure, una buona rimessa laterale in profondità nel territorio francese ha creato degli spazi aperti dove il pilone sinistro della Nuova Zelanda giunto inaspettatamente è penetrato per realizzare il punteggio dopo soli 15 minuti. A questo punto molti devono aver pensato che si trattasse dell'inizio del loro libero sfogo e che a breve sarebbe seguita la facile vittoria che si prevedeva. Ma non sarebbe accaduto.

La Francia ha continuato a difendersi strenuamente mentre nel pubblico confuso di Auckland cresceva la frustrazione per il fatto che i festeggiamenti per la Coppa del Mondo a cui erano venuti ad assistere non arrivavano mai. Infortuni da entrambe le parti hanno causato numerose sostituzioni, tra cui quelle di due esordienti alla loro prima apparizione... in una Finale di Coppa del Mondo: nessuna pressione, quindi!!

L'atleta PUMA Francois Trinh-Duc è entrato dopo 22 minuti per dare maggior impeto ai francesi nell'attacco prendendo le redini del gioco con alcuni eccellenti tiri e corse con la palla in mano. Facendosi strada nella difesa della Nuova Zelanda, se non fosse stato per un placcaggio all'ultimo sangue Trinh-Duc avrebbe potuto segnare per i Bleus al 36° minuto. Gli All Blacks sono riusciti a mantenersi saldi e hanno calciato al tocco per uscire dall'area di gioco e raggrupparsi il più in fretta possibile. 5-0 alla fine del primo tempo.

La sostituzione del mediano d'apertura della Nuova Zelanda ha rimesso in testa la squadra di casa dopo un calcio di punizione assegnato poco dopo il rientro in campo, ma la Francia ha continuato ad essere insidiosa andando a fondo nelle fasi e sfruttando la larghezza del campo. Guidando da davanti, Trinh-Duc ha spinto la Francia in avanti, orchestrando una magnifica azione che ha lanciato capitano sotto ai pali al 47 minuto. Trinh-Duc ha debitamente trasformato il calcio e questo valeva solo un punto.

I restanti trenta minuti hanno visto la Francia in testa alla ricerca della vittoria e la Nuova Zelanda disperatamente all'inseguimento della vittoria alla quale hanno aspirato per 24 anni. L'atleta di PUMA Maxime Mermoz sembrava pericoloso con ogni movimento in avanti e sembrava crescere di statura (se non di taglia) a mano a mano che il gioco procedeva. Non era bello, ma aveva tutta la passione e la drammaticità di una Finale di Coppa del Mondo.

I momenti finali sono stati probabilmente riassunti al meglio dall'espressione del viso dell'ispirato capitano della Nuova Zelanda; con il viso ricoperto di tagli e madido di sudore, ha lottato fino all'ultimo per ogni palla. Ed è finita così - una battaglia epica che in pochi avrebbero potuto prevedere.

Congratulazioni alla Nuova Zelanda! Campioni del Mondo per la seconda volta!

Che cosa ne pensi della partita?

Partecipa alla conversazione lasciando un commento qui sotto, seguici su Facebook e twitta utilizzando #PUMARugby.