Il coreano da brivido ha ribaltato il campionato mondiale di F1

  • Scritto il:
The%20korean%20thriller%20turned%20the%20f1%20world

Dopo che ha piovuto quasi tutto il giorno prima dell'inizio della gara, la caotica prima corsa in Corea non è realmente cominciata fino a un'ora circa dalla partenza ufficiale. Grazie ai ritardi e ai 60 minuti di giro con la safety car, la gara mozzafiato è cominciata sotto il cielo nero di Yeongam con la 5ª vittoria della stagione per il pilota Fernando Alonso della Scuderia Ferrari Marlboro, sostenuta da PUMA.

Dopo che per la prima volta quest'anno le due Red Bull non hanno terminato la gara, Fernando Alonso è riuscito ad arrivare primo seguito da Lewis Hamilton e Felipe Massa. Grazie a questa vittoria nel suo primo gran premio coreano, il cavallino rampante ha portato a 215 il numero delle vittorie su 819 gran premi. Ciò significa che Fernando Alonso è ora in vetta alla classifica dei piloti di Formula 1, a 11 punti di distanza da Mark Webber, a 21 punti da Lewis Hamilton e a 25 da Sebastian Vettel.

Fernando Alonso: "Che sensazione bellissima vincere in questo modo, è stata una vittoria difficile, viste le condizioni del tracciato. In particolar modo all'inizio, le condizioni della pista e la visibilità erano molto precarie. Si è trattato del momento che mi ha dato più filo da torcere, in quanto sapevo benissimo che era già una grande conquista riuscire a stare all'interno del tracciato. Non abbiamo mai guidato qui sul bagnato e quindi non avevamo punti di riferimento. Il ritiro di Webber ha leggermente cambiato il nostro approccio alla gara in quanto, tutto sommato, sarebbe stato sufficiente finire sul podio senza correre troppi rischi. I passaggi finali sono stati particolarmente difficili perché metà del percorso era quasi asciutta e le gomme si deterioravano molto velocemente. Ho assistito ad entrambi i problemi della Red Bull molto da vicino: in queste situazioni devi essere super concentrato perché la velocità è molto alta e non c'è tempo per pensare. Chiaramente, è stato di grande aiuto per le sorti del nostro campionato, ma ciò dimostra che la Formula 1 non è fatta solamente di calcoli matematici. Se provi a pensare cosa è successo in gare come Valencia e Silverstone, puoi davvero dire che non si può mai sapere come andranno le cose. Ora ci sono ancora cinquanta punti da prendere: Red Bull continua a essere la favorita, ma noi continueremo a dare il massimo per salire sul podio. La vettura è migliorata molto nella seconda parte dell'anno grazie ai continui aggiornamenti: forse abbiamo ottenuto più di quanto non ci aspettassimo, ma siamo coscienti che la situazione può cambiare da un weekend all'altro. Ciononostante, la squadra ha meritato in pieno questi risultati e il mio sogno è quello di vederli tutti felici...".

Felipe Massa: "Un grande risultato al termine di una gara particolarmente difficile. Sono molto contento per me stesso e per la mia squadra. Fernando ha fatto un ottimo lavoro. Dopo due weekend andati male, sono felice di essere salito nuovamente sul podio. Voglio anche ringraziare il direttore di gara che ha fatto un eccellente lavoro di gestione della situazione, prendendo le decisioni corrette su quando iniziare la gara e quando far entrare in azione la Safety Car. Alla fine della gara si era fatto quasi buio e le gomme intermedie si stavano deteriorando, in particolar modo quelle posteriori: c'è una spia molto luminosa sul volante e in queste condizioni diventa fonte di distrazione. Abbiamo avuto un po' di fortuna, ma abbiamo fatto anche un ottimo lavoro, dimostrando di essere competitivi anche su questo tracciato. Come andranno le cose a Interlagos e Abu Dhabi? Non è facile dirlo, i due tracciati sono molto diversi l'uno dall'altro. Risulterà di estrema importanza avere una vettura capace di competere per un posto sul podio e cercare di non commettere alcun errore".

Luca di Montezemolo: " La cosa che mi ha fatto più piacere in assoluto è che abbiamo dimostrato che con determinazione, duro lavoro, sangue freddo e voglia di vincere, possiamo superare le situazioni più difficili. Siamo una squadra che non si arrende mai e lo abbiamo dimostrato oggi ancora una volta", ha dichiarato il presidente della Ferrari. "Voglio fare le congratulazioni a tutta la squadra che ha lavorato in maniera impeccabile, Fernando che è stato eccezionale, Felipe che ha portato a casa un terzo posto molto importante: è stato fantastico vederlo sul podio insieme al suo compagno di squadra e a Chris Dyer. "Però ora dobbiamo tenere i piedi per terra", ha detto inoltre Montezemolo. "Il campionato è ancora aperto e sappiamo bene che i nostri avversari sono molto forti. Dovremo affrontare le ultime due gare finali con livelli ancora più alti di concentrazione, prestando attenzione ad ogni minimo dettaglio"

Stefano Domenicali: "Innanzitutto manteniamo la calma! Abbiamo vissuto una giornata fantastica nella quale abbiamo risollevato la situazione nel campionato Piloti e, anche se in maniera parziale, abbiamo riguadagnato una posizione più solida nella classifica dei Costruttori. In ogni caso, siamo tutti consapevoli del fatto che la parte più difficile inizia ora. Ci sono due gare in ballo: dobbiamo affrontarle con la medesima feroce determinazione che ci ha visto combattere in un modo da molti ritenuto impensabile. L'ho detto molto spesso in passato, ma voglio tornare a ripeterlo ancora oggi: quello che conta maggiormente per la squadra e i piloti in questa parte finale della stagione è mantenere sangue freddo, affidabilità e concentrazione. In questo weekend abbiamo dimostrato di essere capaci di fare ciò che abbiamo fatto anche in condizioni inusuali come quelle di oggi. Ci troviamo di fronte ad avversari molto forti, soprattutto se pensiamo a una squadra che è riuscita a portare a casa 14 pole position in 17 gare: occupare questa posizione quando mancano solo due gare è già di per sé significativo. Voglio innanzitutto ringraziare i nostri piloti: sono stati grandi, non hanno fatto nemmeno un errore, riuscendo a gestire una gara molto stressante in condizioni davvero difficili. La squadra ha lavorato molto bene e il piccolo problema al pit stop di Fernando è stato recuperato durante il percorso. Come al solito i nostri ringraziamenti vanno ai nostri partner tecnici e commerciali, a cominciare da Philip Morris, fino alla banca Santander e a Shell, che ci ha fornito un nuovo tipo di carburante che si è rivelato di grande aiuto. In ultimo vorrei dire che è un onore per la scuderia Ferrari Marlboro aver vinto il trofeo del gran premio di Corea, in un Paese in rapida espansione e in un mercato in crescita per quanto concerne le vendite delle nostre automobili.


Motorsport