Il viaggio di Karina LeBlanc verso i Mondiali femminili

  • Scritto il:
204361_914330377521_9014174_48632654_3469192_o

Ciao a tutti,
 

in vista del weekend di inizio del calcio femminile professionistico, ci tengo ad augurare buona fortuna per questa stagione a tutte le giocatrici, agli allenatori e alle organizzazioni!  So che ogni giorno tutte le atlete di questo campionato vedono realizzarsi i loro sogni. Tutte le volte che entrano in campo, lo capiscono... e questo sentimento ci ricompensa di tutti gli sforzi che ognuna di noi fa in questa fase.

Io sto vivendo l'altra metà del mio sogno, dato che quest'estate mi preparo con il Canada per il 2011 Mondiale in Germania. In questo momento ci troviamo in Italia e ci prepariamo qui perché la nostra nuova allenatrice è proprio italiana. Lei si chiama Carolina Morace ed è una giocatrice che ha ricevuto molti premi durante la sua carriera... qui in Italia è un vero mito. Ogni volta che la nominiamo, tutti, sia giovani che adulti, sanno chi è e iniziano subito a farle complimenti. Ad essere sincera, da quando sono qui me ne sono vantata anche io qualche volta (e ha sempre successo hahaha)... fare il suo nome basta per far succedere le cose. è un genio del calcio.  La sua intelligenza permette a tutte noi di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo e io assorbo tutto. Da quando è stata assunta siamo saltate alla 6 posizione nel mondo e le uniche sconfitte che abbiamo subito l'anno scorso sono state contro Germania e Stati Uniti - che si trovano in posizione 1 & 2 - e contro la Svezia questo weekend qui a Roma. Si è fatta un nome in Italia non solo perché come secondo lavoro fa l'avvocato, ma anche perché è stata uno dei principali commentatori per il canale TV che trasmette la serie A (che per gli italiani è come la nostra ESPN/CNN). Tutti osservano e, nonostante i tifosi siano spesso duri e critici, lei è riuscita a farsi amare dalla gente.  Questo significa chiaramente che lei sa di cosa sta parlando, dato che il calcio è importantissimo qui in Italia.

Siamo qui a Roma nello stesso hotel in cui vengono le squadre che giocano in trasferta contro Roma e Lazio (serie A). Le nostre strutture per l'allenamento fanno parte dell'albergo, quindi la palestra e il campo sono a due passi dalle camere. Vediamo gli ultimi allenamenti dei calciatori prima della partita; è fantastico pensare che dei giocatori che guardiamo in televisione tutte le settimane si allenano appena fuori dalle nostre camere. Lo scorso weekend ho avuto la possibilità di andare con il portiere della mia squadra, Steph Labbe, a vedere la partita della Roma contro la Juventus. Il portiere della Juventus è Gigi Buffon, che gioca anche in Nazionale (ed è anche uno dei miei preferiti in assoluto, oltre a un atleta PUMA come me). Lui però non ha giocato. Devo ammettere che all'inizio ero dispiaciuta di non vederlo in campo, ma il secondo portiere non ha deluso e ha fatto varie grandi parate. È stato interessante vedere una partita dal vivo, perché gli energici italiani erano tutti in piedi e urlavano a tutti i giocatori, indipendentemente da cosa questi stessero facendo. Ci sono stati momenti in cui mi sono trovata a osservare più i tifosi che la partita, perché anche quella era un'esperienza! Gli italiani amano il loro calcio e io non posso che apprezzare profondamente questa passione dei tifosi; riesco a capire quanto questo sport significhi così tanto per tutti.

Siamo state fortunate perché nei nostri giorni liberi possiamo girare per Roma e scoprire questa bellissima città. Non c'è niente che non sia all'altezza della sua reputazione. Il cibo è ottimo... non avevo mai assaggiato una pizza e della pasta così buone. Le persone sono così calorose. L'architettura è stupefacente e la vita sembra così rilassata. Sono stata al Colosseo, al Vaticano (nella Cappella Sistina e sono salita fino in cima a San Pietro per la vista più mozzafiato su Roma), sulla scalinata di Piazza di Spagna, alla Fontana di Trevi e al Pantheon.

La cultura ha molto da insegnare e io amo tutto questo. Adoro imparare attraverso i viaggi e le conversazioni. Le mie compagne di squadra mi prendono in giro perché adesso ho un accento che è un mix tra l'inglese e l'italiano. Aggiungo l'accento e una "o" a tutte le parole ... e credo di parlare italiano. Per esempio (e questa è la peggiore, ma ho fatto ridere tutte oggi) "I must-o go-o there-o". Se lo dici con accento, tutti capiscono... o perlomeno credo. Se non so come mimare la parola con le mani, facendo un gesto o indicando, semplicemente aggiungo una "o" e penso che vada bene. Fino ad ora ha funzionato.  Ho chiamato un "taxi-o" qualche giorno fa e il taxi si è fermato. Ho chiesto una "bank-o" e qualcuno mi ha indicato la banca. La lista potrebbe andare avanti... nella mia testa funziona e mi sembra di ottenere sempre quello che voglio-o... quindi va bene-0!

L'allenamento è stato duro ma soddisfacente e nonostante ci siano giorni in cui mi trascino a letto a leggere o navigare su internet, sono contenta di essere qui. La mia squadra è come una famiglia e passando così tanto tempo insieme stiamo diventando sempre più unite e facciamo le stupide, che è ciò che fa per me. Dato che sono la più vecchia (ovviamente a 23 anni), ho una camera singola... quindi, quando ne ho bisogno, ho tempo per me stessa. In tutti gli altri momenti invece trovo qualcuna a cui dar fastidio o da invitare in camera mia per una chiacchierata. Stiamo davvero vivendo un sogno qui a Roma. I giorni in cui ci alleniamo solo una volta sono belli perché o dormiamo fino a tardi la mattina, oppure abbiamo il pomeriggio libero e beviamo un caffè o viviamo secondo l'Italian-style.  Se abbiamo due allenamenti, il letto e i trattamenti sono i miei migliori amici. Per alcune ragazze la piscina è un luogo per svagarsi oppure per andare a nuotare, ma per me è un bellissimo bagno ghiacciato. Io sono una ragazza caraibica e non ho bisogno di tuffarmi tutti i giorni in una piscina fredda per curare il mio corpo.

Sono stata fortunata a festeggiare qui il mio compleanno (come dicevo si tratta del mio 23° compleanno) e ho iniziato il tradizionale "lancio della torta" in faccia alle mie compagne di squadra e agli allenatori. Nel mio grande giorno l'ho riavuta indietro-   ma era così buona, mi è davvero piaciuta! La mia compagna di squadra e di PUMA Robyn Gail sta creando un video per ognuna di noi; lo metterò nel mio blog la prossima volta (insieme ad altri giri per Roma). Potrò anche invecchiare - e ci sono giorni in cui il mio corpo me lo ricorda - ma non credo che passare così tanto tempo con le mie compagne mi stia rendendo più saggia fuori dal campo! Passiamo il tempo su twitter, scrivendo tra di noi o ad altre giocatrici e pensando a nuovi modi per farci scherzi a vicenda. C'è una parte seria dentro di me, ma per ora la ignoro quando sono fuori dal campo!

Questo viaggio verso i Mondiali, nonostante siano i miei 4esimi, è unico sotto molti aspetti perché tante cose mi sono nuove. Adoro ogni passo lungo questa via e spero che, attraverso questo blog e twitter, anche voi possiate seguirmi e apprezzare il percorso che sto facendo. Fino alla prossima volta, buona notte.

Ciao,

 KK

Sito web: KarinaLeBlanc.com
Twitter: karinaleblanc
Fanpage di Facebook: Karina LeBlanc (KK) Fanpage

Calcio