Non possiamo fermarci e non ci fermeremo: K-Town

  • Scritto il:
Soju%20pouring%20technique

Allacciati le scarpe ben strette e batti con noi le strade di LA fino all'alba, alle feste più alla moda.

Abbiamo sempre amato l'incessante vita notturna di Seoul, ed è per questo che non ci stanchiamo mai della Koreatown di Los Angeles, nota anche come K-Town. Dopotutto, quando si tratta di K-Town, la festa non è ancora iniziata nemmeno alle 02:00. È la destinazione ideale per gli after-hour nella Città degli angeli.

Ma per resistere tutta la notte serve una bella carica. Per fortuna K-Town ospita una miriade di straordinari locali che servono grigliate alla coreana. E allora via con la zuppa piccante Yookejang e con il bulgogi (sottili fette di manzo marinate in salsa di soia e soju), che potrai cucinare tu stesso. Divorali insieme a piccoli piatti di riso, insalata, broccoli, insalata di patate, cetrioli e kimchi (cavoli piccanti sott'aceto) e sarai pronto per ciò che accadrà dopo.

Soju. Soju. Soju. Sia che si tratti di una bottiglia di soju servita in shot o in un cocktail, non potrai fare a meno di versare e tracannare la bibita coreana per eccellenza. Un consiglio da esperti: servi il soju solo ai tuoi compagni e non versarlo nel tuo bicchiere, porta male. E non fare l'ingordo, non è buona norma riempire il bicchiere prima che sia completamente vuoto.

Grazie alla grigliata alla coreana e al soju sarai pronto per l'appuntamento clou: il noraebang. Prenota con i tuoi amici una stanza privata per il karaoke e libera la rock star che c'è in te. Dalle più rustiche alle più sofisticate, le stanze private per karaoke possono accomodare fino a sei persone e sono l'unico modo per fare festa fino all'alba.

Dalle luci e dall'atmosfera vivace di questo parco giochi urbano che non vuole dormire fino ai deliziosi locali che servono la grigliata alla coreana, in cui togliersi ogni sfizio, è impossibile sfuggire al mix di adrenalina di K-Town. Per cui, versaci un bicchierino di soju e tieniti pronto a fare sul serio. 

Foto gentilmente concesse da Sara Mohazzebi.

Social