Arbitri dell'after-hour: giocando a palla a Boerum Hill

  • Scritto il:
Img_0230

Magari noi atleti dell'after-hour riteniamo di essere gli eroi della storia, ma sono i nostri arbitri, i baristi, i buttafuori e i tecnici che rendono possibile il tutto - dal versare le birre al mantenere l'ordine. Questa è la prima della nostra serie di chiacchierate con gli arbitri della serata.

Boerum Hill, Brooklyn, potrebbe sembrare un quartiere residenziale, ma è uno dei nostri posti preferiti per una notte di sport underground, arbitrato da alcuni dei migliori baristi della città. Completi di tutto, dalle freccette al biliardo, dai giochi da tavolo a Big Buck Hunter, questi bar sono i nostri preferiti. Abbiamo chiesto agli arbitri del posto un consiglio per passare una bella serata fuori in compagnia dell'altro sesso.

Luogo: Il Brooklyn Tavern è a metà strada tra la ricercatezza e il disordine, tra l'atmosfera e l'oscurità e tra Bond e Smith Street.
Sport: Biliardo
Il fischio dell'arbitro: Anche se Martha non è più alta dei rubinetti dietro cui sta, ci dice: "Il miglior consiglio che possa dare a una persona giovane è questo: prima di dire alla persona che hai conosciuto online che sei serio, chiudi l'account per gli incontri online. Basta inviare un messaggio, hehe".

Luogo: Il Roebling Inn, dove il whisky di segale scorre come la birra e dove potresti anche sentire alcuni accenti gallesi incompatibili col Siri.
Sport: Skeeball
Il fischio dell'arbitro: Heather Leroy è un'attrice comica, forgiatrice di cocktail e uno spregevole essere umano a tuttotondo di Los Angeles trapiantata qui. (No, no, no, nel senso buono!) Lei non ti giudica se ordini qualcosa da femminuccia, ma sa come sopravvivere alle corse di metropolitana a notte fonda: "Se ti metti nei pasticci con qualche tipo strano, non chiedere aiuto. Basta che lo additi e urli PERVERTITO! Vedrete come attira l'attenzione".

Luogo: un po' più giù su Atlantic Avenue si trova il Floyd. La lavagnetta all'ingresso dichiara che all'interno si possono trovare alcolici e beatitudine. All'interno il fascino accogliente dell'arredamento alla buona abbinato male è ancora più sorprendente in questa epoca buia di cimici.
Sport: Bocce
Il fischio dell'arbitro: Tom presidia la stazione delle bevande e la conversazione scorre come melassa. Scuotendo lentamente la sua coda di cavallo sembra voler dire: "Non ho un passato da raccontare", ma le sue cicatrici dicono qualcos'altro: "Non voglio che mia madre scopra che lavoro qui".

Luogo: Building on Bond è un quartiere ricco di ristoranti, bar e negozi di computer, dove il rum scorre come... ehm, no, cioè... dove il wifi scorre come... birra allo zenzero? (Fidatevi, ne vorrete anche voi una scura e torbida non appena varcherete la soglia).
Sport: Giochi da tavolo
Il fischio dell'arbitro: Ann non è pignola per quanto riguarda le "regole" del fidanzamento: "TUUUUUTTI chiamano dopo tre o quattro giorni, ma cosa c'è di male nell'essere un po' impazienti? Due giorni? Un giorno?"

I baristi sanno di cosa parlano. Hanno avuto un posto d'onore per vederne di tutti i colori, dalle peggiori battute di approccio alle più riuscite fini e posseggono una saggezza quasi infinita. Quali dritte dell'after-hour sei riuscito ad apprendere dai tuoi arbitri del luogo? 

Tutte le foto sono gentilmente concesse da Adrian Tung.

Social