La genialità di Tomáš Rosický contribuisce a sconfiggere uno sfortunato Newcastle

  • Scritto il:
139992852

Il Newcastle è stato estremamente sfortunato a perdere nei minuti di recupero contro l'Arsenal con un fantastico Tomáš Rosický...

Fino a prima dell'inizio di quest'anno, Tomáš Rosický aveva passato dei brutti momenti nell'Arsenal. Avendo subito numerosi infortuni, il capitano della Repubblica Ceca non era stato in grado di mostrare regolarmente la forma alla quale erano abituati il suo allenatore e i suoi tifosi. Poi, proprio quando l'Arsenal combatteva in Premier League a gennaio, Rosický ha raggiunto un'ottima forma che è proseguita con la sua eccellente prestazione di ieri sera contro il Newcastle, una delle squadra PUMA.

Il giorno in cui è stato premiato con un nuovo contratto con l'Arsenal, si è unito a Bacary Sagna e Mikel Arteta, anche loro star di PUMA, per sconfiggere il Newcastle durante i minuti di recupero. Per tutta la partita Rosický è stato brillante. I suoi passaggi sono stati intelligenti, i suoi movimenti hanno causato problemi al Newcastle e ha costantemente mantenuto il pallone in zone serrate sotto la forte pressione dei corpulenti centrocampisti del Newcastle.

Anche se l'Arsenal probabilmente meritava di vincere solo per il pressing imposto al Newcastle nel secondo tempo, i Magpies sono stati sfortunati a perdere. Dopo essere passati in vantaggio, si sono difesi bene contro l'ottima squadra dell'Arsenal e hanno avuto anche le loro occasioni. La storia del Newcastle è simile a quella di Rosicky, per tanti motivi. 

Dopo aver avuto un cambio di proprietà, una retrocessione e diversi commissari tecnici negli ultimi anni, questa stagione il Newcastle ha reagito diventando una delle migliori squadre d'Inghilterra. All'inizio della stagione l'obiettivo era quello di finire fra le prime dieci in classifica ed è merito di tutte le persone coinvolte nella società se questo obiettivo è stato raggiunto.

Giocando secondo uno schema 4-4-1-1, hanno fatto pressing all'Arsenal in zone pericolose e non si sono mai arresi. I loro centrocampisti sono bravi almeno quanto quelli delle squadre che si trovano più in alto in classifica e lo spirito di squadra è stato un fattore fondamentale nella loro costante bravura.

I sostenitori saranno anche leggermente delusi dal fatto che non sono più in zona Champions League, ma qualificarsi per l'Europa League sarebbe un enorme traguardo e farebbe sì che la società si trovi due o tre anni in anticipo sul piano definito dal commissario tecnico e dai dirigenti.

Essere a pochi punti soltanto dal Tottenham, dall'Arsenal e dal Chelsea dopo 28 partite dimostra che vi sono arrivati per il loro talento e non per fortuna. Con una buona squadra e un'intelligente strategia di trasferimento, non c'è motivo per cui non possano crescere ancora nella prossima stagione. L'Arsenal avrà anche vinto la battaglia di ieri sera, ma i Magpies sono tornati decisamente a volare. 

Calcio