I Re d'Africa

  • Scritto il:
13ss_ts_football_can_hanging_843x403px

Tutti si chiedono: chi si aggiudicherà la corona della Coppa d'Africa nel 2013?

Tutti gli occhi sono puntati sul Sudafrica. L'ultima volta che è successo è stato durante i Mondiali del 2010. Il Ghana non riuscì per poco (è uscito ai quarti di finale) a conquistare un titolo da dedicare non solo al proprio Paese ma anche al continente africano.

Questa volta, invece, la gloriosa vittoria non dovrà essere divisa con nessuno. La corona è una sola. E solo una squadra africana potrà vincerla.

La Coppa delle Nazioni Africane inizia il 19 gennaio. Le nazionali di calcio africane si contenderanno la corona per tre settimane. I tifosi useranno al meglio il loro diritto all'orgoglio e i loro cori. E il mondo assisterà a quello che è ormai noto come un imperdibile spettacolo di sport e cultura. Dal canto nostro, seguiremo con particolare attenzione le gare che vedranno partecipare le squadre sponsorizzate da PUMA: Sudafrica (gruppo A), Ghana (gruppo B), Bukina Faso (gruppo C), nonché Algeria, Costa d'Avorio e Togo (gruppo D).

Il Sudafrica, in quanto nazione ospitante, ha il vantaggio di giocare in casa, ma questo non vuol dire che vincere sarà facile. I ragazzi del Bafana Bafana si rivolgeranno agli spalti per ricevere un ulteriore sostegno. Non abbiamo dubbi che i loro tifosi saranno dipinti da capo a piedi di giallo, verde e arcobaleno.

La Costa d'Avorio, sconfitta in finale durante l'ultima edizione della Coppa d'Africa, è pronta a vendicarsi con giocatori eccellenti come Yaya Touré ed Emmanuel Eboué. Alcuni la definiscono una squadra "vecchia", mentre i tifosi più fedeli vi diranno invece che la loro squadra fa parte della "generazione d'oro", con giocatori che aspirano al titolo come coronamento della loro illustre carriera. Chiamate Les Éléphants come volete: in ogni caso sarà difficile tenerli a bada.

Il Ghana ha qualcosa che, secondo alcuni, manca alla Costa d'Avorio: la giovinezza. Le Stelle Nere scendono in campo con un gruppo di calciatori giovani, come Asamoah Gyan. Diverse sfavorite degne di nota cercheranno di ribaltare ogni pronostico: l'Algeria e il Togo, grandi squadre ma con scarse probabilità di vittoria, e il Burkina Faso, che vanta la presenza dell'astro nascente Jonathan Pitroïpa ed ha ottime possibilità di passare il primo turno.

Se abbiamo imparato qualcosa dalle precedenti edizioni della Coppa d'Africa, è che bisogna aspettarsi di tutto. Se vi chiedessero di fare un pronostico, cosa direste? A meno che non siate troppo superstiziosi per dirlo. In quel caso, comprendiamo. Noi non diciamo niente. C'è ancora troppo calcio da giocare...
 

Calcio