Cronaca dei quarti di finale di Coppa delle Nazioni Africane: Ghana 2 - Tunisia 1

  • Scritto il:
Gyan-puma

Con una partita molto prudente il Ghana di Asamoah Gyan ha superato la Tunisia, assicurandosi un posto nella semifinale di mercoledì.

Asamoah Gyan non era ancora nato l'ultima volta che il Ghana fu incoronato re d'Africa. Ma, dopo la vittoria di ieri sera contro la Tunisia, l'ultima generazione di Stelle Nere potrebbe essere sulla rotta giusta per metter fine ai 30 anni di dolore ed aggiudicarsi la Coppa delle Nazioni Africane per la prima volta dal 1982.

Come spesso accade quando la posta in gioco è così alta, all'inizio nessuna delle due squadre è riuscita a trovare il proprio ritmo. Poi, con la loro prima incursione nella metà-campo avversaria, il Ghana si è guadagnato un angolo e in breve tempo la partita ha preso vita.

Sul calcio piazzato, il capitano John Mensah ha trovato spazio in area per deviare la palla nell'angolo in basso della porta e dare inizio alla festa. Da come i giocatori, guidati da Gyan, ballavano per festeggiare, sembrava che il Ghana avesse già vinto. Ma il goal non è riuscito a mettere in moto la partita come spettacolo e, con la difesa al massimo, i giocatori intenzionati ad attaccare hanno dovuto vedersela da soli. In diverse occasioni nel primo tempo Gyan ha pescato nel suo inventario nel tentativo di creare qualcosa dal nulla.

Col Ghana incapace di approfittare del proprio vantaggio, pian piano la Tunisia è entrata nel gioco. La ricompensa è arrivata cinque minuti prima dell'intervallo quando, inseguendo una palla calciata al volo nell'area, Saber Khelifa ha saltato più in alto di tutti per segnare di testa il goal del pareggio.

Verso la fine del secondo tempo e ancora in situazione di pareggio, il Ghana si è ritagliato un'altra occasione. Asamoah ha appoggiato la palla al suo compagno d'attacco Gyan, il quale ha tentato in tutti i modi di deviare la palla sul bersaglio e vi è riuscito. Con la palla angolata diretta verso l'angolo in basso della porta, il portiere tunisino Mathlouthi si è fatto forza per tenere la sua nazionale in Coppa.

Al decimo minuto dei supplementari le Stelle Nere hanno preso il comando quando Mathlouthi da eroe è diventato villano regalando la palla ad André Ayew che ha segnato. Vedendo la vittoria allontanarsi per sempre, i tunisini sono stati sopraffatti dalle loro frustrazioni. Il difensore Abdennour ha praticamente chiuso la sua partita come se fosse stata una lotta quando, pressato dal cannoniere Ayew, ha perso la testa e ha dato una gomitata ribelle che lo ha preso in faccia. L'arbitro non ha avuto altra scelta che espellerlo, lasciando così i nordafricani in dieci e con poco più di dieci minuti per rimettersi in gara.

Ma si è rivelata una montagna troppo alta da scalare, dal momento che il Ghana teneva duro. Il Ghana andrà ad affrontare lo Zambia nella semifinale di mercoledì e ci va con qualche speranza di portare a casa il suo quinto trofeo delle Nazioni Africane.
 

Calcio