5 minuti con Mihara Yasuhiro

  • Scritto il:
Puma%20black%20label_mihara

L'ultima volta che abbiamo parlato con lo stilista d'avanguardia Mihara Yasuhiro è stato nel 2010 quando ha festeggiato i dieci anni di collaborazione creativa con PUMA. This year, we caught up with him in Beijing as he presented the S/S12 PUMA by MIHARAYASUHIRO collection inspired by the London Summer Games and a sneak preview of A/W12, his homage to urban "Bike City" Tokyo.

PUMA: La sua collaborazione con PUMA dura da più di dieci anni con collezionisti di sneaker e modaioli che attendono trepidanti i modelli unici stagione dopo stagione. Come si sente riguardo al successo e allo stuolo di adoratori della collezione?

Mihara Yasuhiro: Regarding PUMA by MIHARA YASUHIRO, in the past, most of the people only know about PUMA as the famous brand for both sports and fashion product, but there are not so many people who know about the collaboration between PUMA and MIHARA YASUHIRO. Negli ultimi tempi, da quando questa reciproca collaborazione ha iniziato ad essere accettata da persone come i collezionisti di sneaker e i modaioli di tutto il mondo, è diventata un vero successo. PUMA è un marchio sportivo rinomato nel mondo e MIHARA YASUHIRA è stato identificato come designer giapponese di moda all'avanguardia. Con questa collaborazione, l'energia del design di MIHARA YASUHIRO si è diffusa ed è diventata una forza trainante per i clienti.

PUMA: Alcuni designer, quando cercano l'ispirazione, visitano luoghi stranieri o guardano a culture differenti. E lei, dove cerca l'ispirazione? Com'è il processo creativo per i suoi modelli della prossima collezione?

MY: In effetti, io sono il tipo che si lascia condizionare facilmente, sia mentalmente che fisicamente. Per me, l'ispirazione arriva improvvisamente. Da un lato, abbiamo appreso tantissime cose dalla storia passata. Dall'altro, viviamo nel presente. Queste due cose sono in contrapposizione tra loro. E noi dobbiamo aprire la nostra mente e riconsiderare e creare elementi di design trovando qualcosa di nuovo. Some designers may think that inspiration is a gift from the God, and sometimes they distressed themselves. Io invece penso che dovremmo essere sempre positivi per trovare l'ispirazione.

PUMA: Which places inspire you?

MY: Of course Tokyo! Then there’s London, Hong Kong, New York, Singapore, Milan, Paris. I like Milan because of the old buildings and architecture. Parigi per la sua cultura. Provenendo da un Paese straniero, noto queste differenze quando visito questi luoghi.

PUMA: Quali sono le 3 cose più importanti quando crea per PUMA?

MY: Most important is PUMA’s history and origins. Poi penso ad un'idea pura e semplice. Ci vogliono 12 anni di design e la sfida è dare vita ogni volta a qualcosa di unico. Qualcosa mai fatta prima. E da ultimo c'è l'aspetto creativo. Loro mi danno libertà creativa nel disegnare abbigliamento e accessori. Per le calzature, comunque, devo rispettare linee guida specifiche perché devo tenere da conto la forma delle scarpe.

PUMA: You continued to use an iconic PUMA sneaker in your 2012 collection – the Disc Blaze. Why did you decide to carry this over?

MY: I decided to use the Disc Blaze sneaker because it’s great for cycling and can provide easier movement for the wearer due to the special functions such as holding socks and the disc that adjusts the fitness.

PUMA: Lastly, how’s your monster figure collection going?

MY: I am still collecting! Non posso evitarlo. Ogni volta che ne vedo una, voglio portarmela a casa. Mi piacciono i mostri, specialmente quelli dei film. Mi piace la storia perché è popolare e l'immagine è talmente divertente. Qualcuno potrebbe dire che i mostri sono nemici. Si, sono nemici degli esseri umani, ma sono creati utilizzando l'uomo come modello.


For more information and updates about PUMA by MIHARAYASUHIRO and PUMA Black Label, visit puma.com/blacklabel, check out facebook/PUMA and follow @PUMA su Twitter.

Black Label